14

Ott

2009

Il Papa per la Giornata missionaria mondiale: la Chiesa esiste per portare la salvezza di Cristo a tutti i popoli PDF Stampa E-mail
“Le nazioni cammineranno alla sua luce”: è il titolo del Messaggio del Papa per la Giornata missionaria mondiale che la Chiesa celebrerà domenica 18 ottobre. Ce ne parla Sergio Centofanti.
      La Missione “essenziale” della Chiesa “è quella di chiamare tutti i popoli alla salvezza operata da Dio tramite il Figlio suo incarnato”. E’ quanto ribadisce il Papa nel Messaggio per la Giornata missionaria mondiale: “è in questione la salvezza eterna delle persone – sottolinea - il fine e compimento stesso della storia umana e dell’universo”. Quindi aggiunge: “Dobbiamo sentire l’ansia e la passione di illuminare tutti i popoli, con la luce di Cristo, che risplende sul volto della Chiesa”. Ed è in questa prospettiva che i cristiani “sparsi in tutto il mondo operano, si affaticano, gemono sotto il peso delle sofferenze e donano la vita”. “La Chiesa – prosegue il Pontefice - non agisce per estendere il suo potere o affermare il suo dominio, ma per portare a tutti Cristo, salvezza del mondo”. Una missione sempre più urgente ad una umanità che “conosce stupende conquiste, ma sembra avere smarrito il senso delle realtà ultime e della stessa esistenza”.
      Di fronte ai conflitti, alle povertà e alle sofferenze del mondo, dunque, “la missione della Chiesa è quella di ‘contagiare’ di speranza tutti i popoli”. Un servizio che non è “a misura dei bisogni materiali o anche spirituali che si esauriscono nel quadro dell’esistenza temporale, ma di una salvezza trascendente, che si attua nel Regno di Dio”. Regno che, “pur essendo nella sua completezza escatologico e non di questo mondo (cfr Gv 18,36), è anche in questo mondo e nella sua storia forza di giustizia, di pace, di vera libertà e di rispetto della dignità di ogni uomo. La Chiesa mira a trasformare il mondo con la proclamazione del Vangelo dell'amore, ‘che rischiara sempre di nuovo un mondo buio e ci dà il coraggio di vivere e di agire’”.
      Il Papa ricorda “quei missionari e missionarie che si trovano a testimoniare e diffondere il Regno di Dio in situazioni di persecuzione, con forme di oppressione che vanno dalla discriminazione sociale fino al carcere, alla tortura e alla morte. Non sono pochi – rileva - quelli che attualmente sono messi a morte a causa del suo ‘Nome’” e seguono “lo stesso destino del loro Maestro”: “Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi” (Gv 15,20). Questo perché la Chiesa “non agisce in base ad una logica umana o contando sulle ragioni della forza, ma seguendo la via della Croce”.
      Il Papa invita i cattolici a “sostenere i missionari, le missionarie e le comunità cristiane impegnate in prima linea in questa missione, talvolta in ambienti ostili di persecuzione” e allo stesso tempo esorta “tutti a dare un segno credibile di comunione tra le Chiese, con un aiuto economico, specialmente nella fase di crisi che sta attraversando l’umanità, per mettere le giovani Chiese locali in condizione di illuminare le genti con il Vangelo della carità”.

fonte: RadioVaticana

vai a: MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XVI PER LA GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE 2009

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

RocketTheme Joomla Templates
Copyright © 2009 parrocchiesolopaca.it - Tutti i diritti riservati - sito realizzato da AlmericoTommasiello